Bar & Cocktails, Bordeaux, Italiano
Comment 1

« Le Point Rouge » il cocktail bar di Bordeaux che fa’ impallidire il Cocktails&Dreams di Tom Cruise

Luogo unico a Bordeaux, fino ad ora città priva di un vero bar a cocktail per l’aperitivo, il post cena o i nottambuli, eccovi « Le Point Rouge », il bar che ripercorre 200 anni di storia dei cocktail.

CiBxfC2WsAE_U4Z

Claude Martignolles, proprietario dello storico caffé le Régent centralissimo a Bordeaux ed il suo braccio destro Gaël Geffroy sono dei grandi collezionisti di flaconi da sempre… ed é proprio la loro straordinaria collezione di alcolici che vi farà viaggiare dai club segreti di Chicago durante la proibizione ai circoli letterari di Londra, il tutto con un approccio pedagogico per saltare da un cocktail cubano ad un retro drink, ginnastica serale tra più di 90 cocktail.

Il Point Rouge ha aperto da pochi mesi sul lungo fiume di Bordeaux, in un palazzo d’epoca abbandonato (ma ben conservato) in questa parte della città vicina alla stazione ferroviaria che sta rinascendo grazie ad un enorme progetto immobiliare (Euratlantique, il più importante d’Europa) ma che per ora é ancora in una sorta di no mens land sospeso nel tempo…

Dopo 2 anni di lavori e restauro, il risultato é semplicemente splendido : muri in pietra, soffitti incurvati realizzati con mattoncini di terracotta, mobili dal design caloroso ed accogliente, luminari unici disegnati dal tedesco Ingo Maurer… insomma uno scrigno perfetto per conservare al riparo dalla luce e dal calore le centinaia di bottiglie della loro collezione.

Iniziamo quindi la nostra sessione di ginnastica, primo esercizio il Pornstar Martini, associazione torrida della vaniglia nella vodka con lo zucchero, il frutto della passione innervosito dalle bollicine dello champagne (cocktail inventato nel 2002 a Londra da Douglas Ankrah). Tutti i cocktail hanno un prezzo massimo di 12€.

13179438_10154263576197845_4657409584329186951_n

Esercizio n°2, il Moscow Mule, il primo vero cocktail a base di vodka ad essere stato adottato mondialmente dopo il suo lancio nel 1941 al Cock n Bull di Los Angeles. Vodka e Ginger beer Fever-Tree, servito in un mug di rame.

13100877_10154263647887845_3965750417483830496_n

Se siete appassionati di cocktail sapete già che uno degli ingredienti fondamentali é il ghiaccio ed al Point Rouge il ghiaccio é prodotto “in house” grazie ad una macchina ordinata specialmente in America che produce dei blocchi enormi, perfettamente lucidi che il barman lavora come una scultura o come un medico legale…

13091936_10154263520467845_4388865727404560123_n

CiCRG_sWUAE6902

Esercizio finale, respirare, rilassarsi con il Bordeluche, cocktail signature del Point Rouge composto con prodotti « locali » : rhum invecchiato a Cognac, vino di Bordeaux, frutto della passione, miele delle Lande e anisette servito in un bicchiere esotico disegnato da Gaël e prodotto a mano da una ceramista parigina che arriva a sfornarne solo 2 a settimana.

13151554_10154263675552845_7546616035767872284_n

Ma al Point Rouge non si fa’solo che bere, si mangia anche! Tapas fredde e calde per l’aperitivo oppure un menu completo a 34€ dall’antipasto al dessert con prodotti freschi e regionali (il menu cambia ogni mese). Nella parte ristorante (ed anche perché non puo’ mancare a Bordeaux) i grandi vini occupano una posizione privilegiata, in cantina o al bicchiere con le Enomatic o il Coravin.

Alexandre Morin, ex sommelier del Chapon Fin (grandissimo ristorante della città) si prende cura della cantina nella quale tutte le regioni francesi sono ben rappresentate.

Le Point Rouge, é aperto dal lunedi’ al sabato, dalle 18.00 alle 2 del mattino al 3 quai de Paludate a Bordeaux.

1 Comment

  1. claudia candela says

    Fantastico! Non vedo l’ora di testare di persona!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s