All posts tagged: st esthèphe

Vendemmia 2016 con gli UberVigneron di Bordeaux Oxygène #BO2

Venerdi’ 7 ottobre, St Estèphe, Château Lafon-Rochet, 4° Grand Cru Classé. La vendemmia é iniziata da una decina di giorni selezionando pochi acini di Merlot dalle piante più vecchie ed oggi siamo stati chiamati a rinforzo della squadra portoghese che viene qui da più di 25 anni per un secondo passaggio nelle vigne, questa volta interessandoci ai Cabernet Sauvignon. Difficile stare dietro a questi vendemmiatori professionisti che hanno occhio e rapidità d’esecuzione ed alla fine l’occasione é quella di fare il punto della situazione con Basile Tesseron, terza generazione a gestire la proprietà comprata negli anni ’50 dal nonno Guy (che lungimirante acquisto’ poco più tardi anche lo château Pontet-Canet a Pauillac). Basile é cresciuto qui e ci vive ora con moglie e (4) figli che utilizzano le vigne come parco giochi, ecco perché la svolta “bio” della tenuta deriva da una sua presa di coscienza ambientalista per preservare non solo la sua famiglia ma anche chi lavora la terra per lui. Una rivoluzione lenta iniziata nel 2010 con le prime prove, anche in biodinamica, …

Château Pédesclaux o l’architettura del vino tra contrasti e trasparenze

Se come me amate l’architettura, la purezza dei dettagli che non vietano alla bellezza di splendere, la semplicità di un luogo che paradossalmente ne puo’ far scaturire un’altro dove tutto vibra in noi, allora seguitemi alla scoperta del château Pédesclaux a Pauillac. Dimenticate tutte le tappe di una visita normale in azienda perché Françoise e Jacky Lorenzetti (già proprietari del château Lilian Ladouys a St-Estèphe), hanno completamente rimodellato Pédesclaux, dopo il riacquisto nel 2009, grazie anche all’aiuto dell’architetto Jean-Michel Wilmotte che ne ha fatto un luogo eclatante di modernità e semplicità. Wilmotte ha armato, racchiudendo in due cubi di vetro, gli ampliamenti laterali del castello che erano già stati fatti nel 2000, lasciando al centro la parte più antica, libera. La cantina invece è stata rifatta dalla A alla Z, approfittando della pendenza del terreno, al fine di facilitare il trasporto dei grappoli dalla vigna al tino senza usare nessuna pompa. Dopo più di due anni di lavori, Château Pédésclaux ci svela i suoi contrasti e le sue trasparenze, l’architettura del suo vino. La cantina misura 2000 m² …